Articoli

Mariah Carey, bitcoin per supportare Blackgirlscode

Mariah Carey ha annunciato la sua partnership con la cryptocurrency platform Gemini.

Fondata da Cameron and Tyler Winklevoss, Gemini e’ usata per comprare, vendere, guadagnare e memorizzare più di 50 criptovalute, come bitcoin.

Una parte delle commissioni di negoziazione che gli investitori effettueranno utilizzando il codice “Mariah”, attraverso il link Gemini.com/Mariah, saranno donati a Blackgirlscode , una organizzazione no-profit che supporta l’introduzione delle giovani donne alla tecnologia e ad affinare tutte quelle skill legate alla mondo tech e alla computer science.

Immagini e contenuto: Instagram

Walmart Inc. ospita i Coinstar kiosk nei suoi store

Come riporta Bloomberg, Walmart Inc ha comunicato che sara’ possibile acquistare Bitcoin presso i Coinstar kiosk in alcuni degli store a brand Walmart presenti negli Stati Uniti.

Questa partnership con Walmart e’ solo una delle iniziative attraverso le quali Coinstar, grazie anche anche alla collaborazione con l’exchange Coinme, vuole diffondere l’acquisto di Bitcoin attraverso i suoi oltre 8.000 ATM presenti negli USA.

Clicca qui per leggere l’articolo

L’EFT Valkyrie debutta al Nasdaq

In una intervista rilasciata alla CNBC  il CEO Leah Wald ha annunciato il debutto al Nasdaq dell’EFT Valkyrie, a partire da oggi 22 Ottobre, pochi giorni dopo che ProShares ha lanciato un prodotto simile sul NYSE.

Si tratta di un altro ETF basato su Bitcoin Futures che debutta al Nasdaq, il  listino con il maggior numero di società presenti negli Stati Uniti, appartenenti al comparto tecnologico.

Il lancio del Bitcoin future ETF di Valkyrie segna un importante traguardo nel rapporto tra il settore delle criptovalute e i regolatori statunitensi.

Clicca qui per seguire l’intervista

 

 

Otb entra in Aura Blockchain Consortium

Otb entra in Aura Blockchain Consortium come quarto, nuovo, membro fondatore.

Il gruppo di Renzo Rosso si e’ unito a Lvmh, Prada e Cartier, marchio di Richemont, per sviluppare nuovi standard di tracciabilità nell’alto di gamma con la tecnologia blockchain, pronto a stabilire nuovi standard per il fashion in termini di innovazione.

Sulla piattaforma sono anche attivi luxury brand come Bulgari, Cartier, Hublot, Louis Vuitton, Hennessy e Prada.

La notizia dell’approdo in Aura arriva in un momento di espansione per Otb Group che, forte anche dell’acquisizione di Jil Sander lo scorso marzo, punta alla creazione di un polo del lusso italiano.

FlyFreeAirways, Welcome aboard

FlyFreeAirways atterra al Blockchain Revolution Summit, il 29 e il 30 Novembre, a Bolzano, per presentare Flightcoin, la Utility Coin ancorata all’economia reale, dei viaggi d’affari, del turismo esperienziale, dei vettori merce e degli aerei privati.

La lungimiranza e le capacità imprenditoriali del suo Founder, Francesco D’Alessandro, hanno reso ancora più credibile un progetto che al suo nascere era già innovativo nel suo settore.

Francesco D’Alessandro sarà presente anche come Main Media Partner di Blockchain Revolution Summit, in entrambe le giornate in cui si terrà il Summit, con la sua Radio web, Radio Dream On Fly, e con il suo socio Giuseppe Simonazzi, fondatore della Rete di Imprese Smartnet e proprietario del canale SKY 810.

Radio Dream On Fly e Canale SKY 810 saranno Radio e TV ufficiali di Blockchain Revolution.

Flyfreeairways, accreditata e certificata ISO, è una nascente compagnia aerea organizzata in quattro aree di business: business travel management, turismo esperienziale, cargo e officina di manutenzione jet.

Come tour operator, altro core business di Flyfreeairways, si colloca sul mercato come la prima piattaforma online per il Business Travel Management, la prenotazione di voli Charter e la locazione di aeromobili privati, per supportare, soprattutto, con formule tailor-made, professionisti, manager e PMI, che per i loro viaggi cercano flessibilità, libertà e qualità, grazie ad una piattaforma dedicata e una app performante.

Il desiderio di proporre sempre soluzioni nuove, che soddisfino il mercato nella sua globalità e che seguano i trend più innovativi, ha spinto Francesco D’Alessandro e il suo team ad associare a Flyfreeairways la criptovaluta Flightcoin, legata al mondo del business travel management e dei jet privati.

Chi investe riceve la quota di capitale che aumenta di valore, l’utile e il credito di imposta immediato, i voucher viaggi e altrettanti token Flightcoin.

FlyFreeAirways, attraverso l’exchange Waves, ha emesso 100 milioni di token, una quantità pari a 10 volte l’aumento di capitale in corso, che si concluderà al 31 dicembre 2021.

I token FlightCoin potranno essere acquistati sia con valuta corrente che con criptovaluta ed essere utilizzati per effettuare pagamenti, fare investimenti e anche scambi oltre che per gli acquisti dei servizi degli associati e della stessa FlyFreeAirways.

I token finanzieranno sia progetti di investimento volti allo sviluppo e all’innovazione del business model prefigurato, sia progetti di ricerca e sviluppo con focus sulla mobilità intelligente, smart city e sostenibilità ambientale nel settore dei trasporti in generale.

Anche questa attenzione alla sustainable e smart mobility rafforza ulteriormente la partnership con Blockchain Revolution, che assieme alle aziende ad essa direttamente collegate, sta spingendo con sempre piu’ vigore progetti volti ad una urbanizzazione più green e più smart, in armonia con i bisogni dei cittadini, abilitando la condivisione di risorse e la realizzazione di un sistema contraddistinto da connected vehicles per realizzare un mondo in movimento sicuro, fluido, connesso e digitalmente antropocentrico.

Francesco D’Alessandro, in una sua intervista, ha spiegato benissimo il suo business model: “In pratica abbiamo fuso insieme i modelli di business di Uber e di Netjet e diamo la possibilità di pagare anche in criptovalute. Il business prevede costi fissi molto bassi. Con l’aumento di capitale in corso intendiamo fare altre acquisizioni, comprare due aerei, tra i quali un 737 Cargo, sviluppare la piattaforma innovativa e spingere sempre di più sull’attività commerciale e di marketing e comunicazione “.

Francesco D’Alessandro è anche uno degli investitori nell’incubatore e pre-acceleratore italiano di startup Grownnectia che, a inizio 2021, ha raccolto 453 mila euro tramite una campagna sul portale italiano di equity crowdfunding BacktoWork. Già co-fondatore di RivaBanca BCC, Monterosa Terme, Radio & TV web DreamOnFly, Guida Sicura Supercar e altre società.

Parlamento UE alla prova della sostenibilita’ agroalimentare

La prossima settimana a Strasburgo si votera’ la strategia europea per la sostenibilità della filiera agroalimentare.

La strategia “Dal produttore al consumatore” (Farm to Fork), presentata dalla Commissione nel maggio 2020, dovrebbe essere accolta con favore dagli Europarlamentari durante la sessione 18-21 ottobre 2021. In particolare il dibattito si terrà lunedì, mentre una risoluzione sarà votata martedì e i risultati saranno annunciati mercoledì mattina.

I punti su cui dibattere sono:

– l’importanza di promuovere diete sane, rispettose degli animali, di alta qualità e accessibili ai consumatori europei

– la necessita’ che gli agricoltori guadagnino una parte equa del profitto derivante da cibo prodotto in modo sostenibile

– trovare una soluzione al consumo eccessivo di carne e di alimenti altamente processati ad alto contenuto di sale, zucchero e grassi

– ottenere una maggiore sostenibilità in ogni fase della catena di produzione alimentare

– la necessità di maggiori aree destinate all’agricoltura biologica, oltre a obiettivi di riduzione vincolanti per l’uso di pesticidi

– la consapevolezza che tutte le parti in causa, dall’agricoltore al consumatore, devono avere un ruolo da svolgere.

 

Fonte: europarl.europa.eu

Telefónica sceglie la Blockchain

Telefónica Tech, leading company in digital transformation facente parte di Telefonica Group, e Atrebo digitalizzeranno 200,000 elementi dell’infrastruttura delle telecomunicazioni, tra cui torri e altri siti, adottando la tecnologia blockchain.

Atrebo utilizzerà la piattaforma basata su blockchain TrustOS di Telefonica per fornire tracciabilità e trasparenza alle operazioni e alla logistica.

L’operazione potra’ essere considerata una milestone nell’uso della blockchain per la gestione e organizzazione di infrastrutture su lara scala.

 

Fonte e immagini: news.europawire.eu

 

Ethereum, primo magazine in NFT

E’ stato annunciato il lancio di The NFT Magazine, la prima rivista online, in formato NFT, da collezionare e leggere in Ethereum.

Il primo numero sarà emesso in 500 copie e di mese in mese il numero aumenterà di 200 copie.

E’ in vendita su Opensea a partire dal prossimo 2 novembre.

Sono previste 12 uscite a cadenza mensile. L’utente potra’ leggere il magazine entrando a far parte del Readers Club. Ogni cover sara’ creata in collaborrazione con crypto artist di fama internazionale.

Per saperne di piu’ clicca qui

Fonte e immagini: thenftmag.io

 

“Make the Label Count”

‘Make the Label Count’ e’ il titolo della campagna lanciata da una nuova coalizione internazionale di organizzazioni – Australian Wool Innovation (Awi), The Campaign for Wool, Cashmere & Camel Hair Manufacturers Institute, Cotton Australia, Discover Natural Fibers Initiative (Dnfi), Fibershed, International Sericultural Commission, International Silk Union, International Wool Textile Organisation – per chiedere alla Commissione Europea di garantire sull’abbigliamento etichette di sostenibilità trasparenti, complete e accurate, per arginare il fenomeno del Greenwashing.

Il metodo della Commissione europea per valutare l’impatto ambientale dell’abbigliamento è stato denominato Product Environmental Footprint (Pef). Tuttavia la coalizione Make the Label Count sottolinea che la metodologia è incompleta e che senza una giusta correzione rischia di fuorviare i consumatori.

La coalizione Make the Label Count chiede alla Commissione europea di adottare una metodologia che rifletta gli obiettivi del piano d’azione per l’economia circolare e degli obiettivi del Green Deal.

Immagine: makethelabelcount.org

 

Jaguar Land Rover sceglie la Blockchain

Jaguar Land Rover, in collaborazione con Circulor, leader nella tracciabilita’ delle supply chain,  Bridge of Weir Leather Company, fornitore di pellame nell’automotive, e  l’Universita’ di Nottingham, ha scelto la blockchain per monitorare la conformita’ e valutare l’impronta di carbonio della sua rete di fornitura di pellami, tracciando la pelle con la minore impronta di carbonio, a partire dall’allevamento fino all’immissione sul mercato del veicolo.

Con questo progetto Jaguar Land Rover ribadisce il suo impegno a ridurre l’impatto ambientale ed etico dei suoi prodotti durante il loro intero ciclo di vita, offrendo ai clienti scelte di materiali piu’ sostenibili e responsabili per gli interni dei propri veicoli: un approccio fortemente sostenibile del concetto di lusso, unique experience e positive social impact.

Obiettivo? Raggiungere emissioni di CO2 pari a zero in tutta la catena di approvvigionamento, i prodotti, i processi e le operazioni entro il 2039.