Tag Archivio per: Almaviva

Almaviva porta la blockchain al ristorante

Presentata al Roma Convention Center “La Nuvola” la diciannovesima edizione della guida indipendente de La Pecora Nera, una edizione tutta tecnologica e ancora piu’ trasparente.

La blockchain, infatti, certifica le recensioni dei locali inseriti inRoma de La Pecora Nera 2022″.

“L’innovazione tecnologica permette di generare valore anche in un contesto apparentemente distante dal mondo digitale: certificazione dei contenuti, maggiori garanzie per i consumatori, qualità – dice Michele Svidercoschi, direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali di AlmavivA -. Un progetto che concretizza il potenziale della tecnologia blockchain su cui AlmavivA è impegnata da tempo, prima azienda in Italia a proporre un modello di governance ibrido pubblico-privato, a tutela dell’eccellenza e del Made in Italy”.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa

Fonti: Almaviva news

Almaviva per la Sanità

Molti gli interventi che questa tecnologia può mettere in atto per migliorare i processi che caratterizzano l’ecosistema Salute e per risolvere punti di discussione attualmente ancora aperti.

Primo fra tutti, la gestione del Procurement dei dispositivi medici (DM), protagonista nel nostro Paese di un’innovazione profonda: l’introduzione dell’approccio “value-based” e la valutazione del beneficio clinico.

La Blockchain si pone, in questo contesto, come strumento di tracciabilità del processo di aggiudicazione e acquisto e di gestione e automazione del processo di fornitura tramite smart contract.

Altro settore di estremo interesse in cui la Blockchain mostra il suo valore è quello della tracciabilità dei kit diagnostici, sia in riferimento a patologie dell’uomo e al monitoraggio dei prodotti alimentari sia per il sequenziamento del genoma. Nell’era post-Covid19 è nata l’esigenza di autenticare ogni kit di test dal produttore al paziente, garantire la privacy attraverso dati crittografati, prevenire la manomissione dei risultati e la perdita dei dati, consentire l’accesso istantaneo al risultato del test e, infine, il tracciamento dei sintomi. In tale cornice, la Blockchain assicura ai consumatori la trasparenza necessaria sulla provenienza e sull’autenticità dei kit.

La Blockchain entra in gioco anche nella conduzione dei Trial clinici i cui costi, durata e tasso di successo dipendono fortemente dalla gestione dei dati. Tracciare il protocollo sperimentale, insieme alle comunicazioni da e verso il paziente, e monitorare i soggetti arruolati dopo gli studi mediante un registro delle reazioni avverse al farmaco su Blockchain, migliora sicuramente l’andamento del trial.

In tema di registri, il riferimento al bio-testamento è d’obbligo. Anche la DAT, insieme alla gestione del consenso, passa attraverso la Blockchain Technology, che apporta vantaggi rilevanti per il paziente e gli operatori coinvolti in termini di certezza del diritto e garanzia del rispetto del diritto all’autodeterminazione nelle scelte terapeutiche di fine vita.

La tracciabilità, infine, rappresenta un vantaggio importante anche nei percorsi operatori ospedalieri dove, in caso di deficit o malfunzionamento di dispositivi medici, occorre dimostrare l’assenza di responsabilità. Per proteggere l’integrità e la qualità di una rete di dispositivi medici interconnessi, di dispositivi medici indossabili, ma anche la gestione stessa dell’intervento chirurgico, l’origine e il percorso delle componenti e la loro funzionalità può essere garantita dalla tecnologia Blockchain.

 

Fonti: Almaviva

 

 

Blockchain Almaviva e la tracciabilità del Made in Italy – il caso ROUGE

Contro la falsificazione l’agrumicultura Made in Italy ha un alleato. E’ ROUGE, Red Orange Upgrading Green Economy. La soluzione per tutelare l’agrumicoltura siciliana, ideata da Almaviva con il Consorzio Arancia Rossa Igp e dedicata alle aziende associate per offrire servizi di protezione del prodotto e tutela del consumatore.

Oltre che a requisiti di legge sempre più vincolanti, la tracciabilità dei prodotti agroalimentari a difesa e supporto del Made in Italy risponde a una domanda crescente di informazione e di fiducia da parte del consumatore. L’Italia è il primo produttore in Europa di prodotti a denominazione d’origine. Negli ultimi anni il commercio di prodotti contraffatti è cresciuto esponenzialmente rappresentando una minaccia significativa per il motore della crescita economica e minando allo stesso tempo la messa in atto di buone pratiche di gestione e l’immagine del Paese all’estero.

Le arance sono un’eccellenza siciliana. Viene prodotto nell’isola oltre il 50% della produzione totale nazionale. Contraffazioni e frodi rappresentano un danno per il consumatore e una perdita per i produttori e per la Sicilia. Da questo contesto nasce Rouge, dall’esigenza di un sistema di tracciabilità certa del prodotto. L’innovazione digitale della soluzione Blockchain Almaviva garantisce la tracciabilità dell’identità e la storia del prodotto in un ecosistema internazionale.

La piattaforma di tracciabilità funziona con tecnologia Blockchain, un sistema già sperimentato da Almaviva per tracciare le produzioni nella filiera vitivinicola. Nel caso delle arance, il sistema si basa sull’interazione tra il portale ad uso del Consorzio, che mostra i dati provenienti dalle varie fonti per il monitoraggio di tutto il segmento Arance Rosse Igp, e un’App su smartphone ad uso del consumatore, che dà informazioni su tutta la filiera. Il bollino digitale per le arance, controllate dal campo alla tavola

Attraverso un bollino TAG/NFC apposto sulla cassetta di frutta, l’App permette di monitorare il campo di produzione grazie a un sistema di geolocalizzazione della mappa fornita da fonte pubblica, la data del raccolto, le modalità di conservazione e di distribuzione. Il bollino hi-tech collegato al sistema Blockchain garantisce da una parte la riconoscibilità certa dei dati, basati su informazioni provenienti dalla pubblica amministrazione e dalle aziende legate al Consorzio di tutela, e dall’altra il corretto legame con la storia certificata ed immutabile del prodotto.

I principali vantaggi? Lotta alla contraffazione, semplificazione degli adempimenti burocratici, riduzione degli errori di imputazione dei dati, miglioramento delle operazioni di controllo, monitoraggio del settore da parte dell’Amministrazione, possibilità di promozione delle produzioni sui mercati internazionali.

Con un impatto minimo a livello architetturale e di flussi di processo, la piattaforma Almaviva di tracciabilità può essere applicata a tutti i prodotti Made in Italy alimentari e non. Dai pistacchi di Bronte ai vestiti di alta moda. La stessa metodologia può essere applicata, inoltre, ad altri mercati industriali per tracciare, ad esempio, la provenienza delle materie prime, i processi di certificazione, collaudo e manutenzione degli apparati e dei sistemi industriali, oltre che il ciclo di vita dei pezzi di ricambio. Con un sistema simile, le imprese meccaniche da una parte otterrebbero più efficienza e un controllo maggiore, dall’altra potrebbero a loro volta diventare produttori di strumenti a supporto delle nuove filiere 4.0, creando ad esempio macchinari che facilitino la lettura e scrittura di tag intelligenti e che dialoghino con i nuovi paradigmi decentralizzati Web 3.0, ovvero apparecchiature blockchain-ready.

Fonti: Almaviva

AlmavivA, Welcome aboard

66 sedi, 45.000 dipendenti (10.000 in Italia e 35.000 all’estero), 891 mln di euro di fatturato nel 2020. Questi sono alcuni dei numeri che contraddistinguono il Gruppo AlmavivA, leader italiano nell’Information&Communication Technology.

Cosa rende unica AlmavivA? Esperienze consolidate, competenze uniche, ricerca continua e una profonda conoscenza dei diversi settori di mercato, pubblico e privato.

Rispondendo all’esigenza di dare un contributo nuovo al modo in cui governare il cambiamento AlmavivA ormai da tempo sperimenta e realizza soluzioni sempre nuove e di tendenza utilizzando la tecnologia Blockchain, cogliendone sin da subito le potenzialita’ tecnologiche e proponendo nuovi scenari di applicazione, diversificati e trasversali.

Solo in questo modo e’ possibile essere costantemente al fianco dei clienti e dei Partner, per trasformare radicalmente processi e business con architetture innovative e sostenibili e prodotti proprietari production ready, insieme alla comprovata esperienza di Software Integrator.

AlmavivA, nel contesto del Blockchain Revolution Summit, che si terra’ a Bolzano il 29 e il 30 Novembre, non solo ribadira’ queste sue peculiarita’ al grande pubblico, ma condividera’ anche numerosi use case, tra i quali ROUGE, il bollino hi-tech per le arance rosse di Sicilia IGP, e PUBLIC PRIVACY, la gestione del consenso evoluta per una gestione della Privacy chiara, garantita e certificata, che permetta ai cittadini di fruire dei servizi con fiducia e sicurezza in conformità al GDPR.

Fonti e immagini: AlmavivA.it